METILAZIONE E INTEGRAZIONI: FORSE NE HAI BISOGNO.


https://drjohnbergman.com/

METILAZIONE ......... PROVE FUNZIONALI CHE VALUTANO LA CAPACITÀ DI METILAZIONE PROFILI DI METILAZIONE... RISULTATI COMUNI DEI TEST... SAMe: rapporto SAH............... Modi per abbassare l'omocisteina .... SINTOMI DI SOVRA/SOTTO METILAZIONE ....... TRATTAMENTO DEI PROBLEMI DI METILAZIONE...... Consigli per il trattamento.... La metilazione in pratica...... Uso del metilfolato nella depressione ..... GLUTATIONE ...... Valutazione dello stato di glutatione: GGT....... SQUILIBRI DI ISTAMINA PIRROLURIA..... MTHFR SNP... Varianti MTHFR Effetti... Chi schermare per le mutazioni MTHFR?..... NUTRIENTI DI SUPPORTO PER MTHFR....... PROTOCOLLO BASE MTHFR C677T (www.mthfr.net) Raccomandazioni sui supplementi generali per MTHFR C677T ...... Riassunto... Evitare........ Effetti collaterali con metilfolato........ Farmaci da evitare con MTHFR..... ALTRE MUTAZIONI GENE DA CONSIDERARE CONCLUSIONE ..... RISORSE..... GLOSSARIO ...... RIFERIMENTI ......



METILAZIONE La metilazione è un processo metabolico enormemente importante nel corpo. I disturbi della metilazione influiscono sul sistema corporeo e sono fattori di rischio per lo sviluppo di una serie di condizioni cliniche. Sostenere la metilazione è quindi una considerazione incredibilmente importante per le figure sanitarie, nei pazienti con: problemi endocrini, disturbi mentali, problemi al fegato, gastrointestinale, cancro e tanto altro. La metilazione è il trasferimento di un gruppo metilico ad un altro composto. La fosforilazione è probabilmente la reazione più comune nel corpo. La metilazione è secondaria alla fosforilazione. . Essenzialmente, la metilazione significa trasferimento di un gruppo metilico da donatore di metile, di solito S-adenosilmetionina (SAMe), ad una molecola. La varieta delle molecole a cui un gruppo metilico può essere trasferito è ciò che rende la metilazione un processo metabolico così importante e ubiquitario. Alcuni esempi di metilazione includono: * La metilazione dei farmaci per supportare il loro metabolismo ed escrezione; * La metilazione di neurotrasmettitori e ormoni, come dopamina, istamina, melatonina ed estrogeni, per facilitare la loro escrezione; * La sintesi e la riparazione delle proteine mieliniche; * Produrre energia (CoQ10, carnitina, ATP) * Aiuta a mobilitare i grassi, il colesterolo e la loro eliminazione, che riduce l'aterosclerosi, la colestassi e regola il peso; * La metilazione del DNA per modificare la trascrizione dei geni. Illustrando l'importanza centrale della metilazione per la salute e il benessere, SAMe è stata considerata secondaria solo all'ATP per enzimi. Garantire che la metilazione sia ottimale è quindi una considerazione importante per quasi tutti i professionisti. È coinvolto in centinaia di reazioni nel corpo (due grandi donatori sono SAMe e BH4). Una delle reazioni di metilazione più importanti nel corpo è la conversazione da omocisteina a metionina. La sintesi endogena di SAMe comporta un ciclo metabolico intricato e strettamente controllato. In breve, quando SAMe dona un gruppo metilico diventa S-adenosilomocisteina (SAH); SAH poi diventa omocisteina; omocisteina poi diventa metionina, e metionina poi diventa di nuovo SAMe. Mentre molte delle reazioni coinvolte nella sintesi di SAMe sono, da un punto di vista nutrizionale, relativamente semplice, la conversione metabolica dell'omocisteina a metionina è molto più complessa. Per essere "ri-metilata" alla metionina, l'omocisteina richiede un gruppo metilico. questo gruppo metilico proveniente da 5-metiltetraidrofolato (5MTHF) trimetilglicina (TMG). Sebbene il TMG svolga un ruolo incredibilmente importante nella re-metilazione dell'omocisteina in metionina, l'enzima che trasferisce il gruppo metilico dalla TMG all'omocisteina è in gran parte espresso solo nelle cellule epatiche e renali. L'enzima che 5MTHF utilizza per trasferire il gruppo metilico da se stesso all'omocisteina, d’altro canto, è espresso in quasi tutte le cellule del corpo. Questo rende il ciclo metabolico dei folati (che produce 5MTHF un ciclo estremamente importante da sostenere nella gestione dei disturbi del ciclo di metilazione). Oltre a ri-metilare l'omocisteina, 5MTHF è anche la forma più comune di folato trovato nel corpo. Questo perché gli enterociti e gli epatociti contengono enzimi specializzati per convertire altre forme di folato, tra cui l'acido folico e l'acido folinico, in 5MTHF. Siccome l’integrazione di 5MTHF passa rapidamente nel siero, l'integrazione aiuta a rimetilare l'omocisteina. Tuttavia, la somministrazione di 5MTHF da sola non è sufficiente a ridurre l'omocisteina. Un apporto adeguato di vitamina B12 è anche essenziale per la transmetilazione. La vitamina B12 partecipa a due reazioni principali nel corpo. Ognuna di queste reazioni richiede una forma di coenzima leggermente diversa di vitamina B12: metilcobalamina o adenosilcobalamina. La metilcobalamina è la forma più comune di vitamina B12 trovata nel siero, mentre l’adenosilcobalamina è la forma di stoccaggio di vitamina B12 trovata nei mitocondri. Dato che la metilcobalamina è la principale forma di cobalamina trovata nel siero e la forma trovata nell'enzima metionina sintetasi, ha senso integrare con questa forma di cobalamina per la gestione dei disturbi del ciclo di metilazione. Altre forme di cobalamina nei supplementi includono cianocobalamina e idrossicobalamina. Entrambe queste forme hanno la capacità di essere metabolizzate in metilcobalamina o adenosilcobalamina. Senza sufficiente vitamina B12, le cellule all'interno del corpo possono entrare in quello che viene definito la 'trappola di metilfolato'. La trappola del metilfolato è un ipotetico scenario metabolico caratterizzato da carenza di vitamina B12, aumento dell'omocisteina, aumento del 5MTHF e riduzione delle concentrazioni intracellulari di folato.


A causa della trappola del metilfolato, si raccomanda di assumere vitamina B12 con qualsiasi forma di coenzima di folato, specialmente nelle popolazioni soggette a carenza di vitamina B12, come gli anziani e i vegetariani. La B12 supplementare potrebbe non essere del tutto sufficiente per alcuni pazienti, tuttavia. Una varietà di pazienti può avere difficoltà ad assorbire la vitamina B12, il che li pone anche ad alto rischio di sviluppare carenza di vitamina B12. Di solito la supplementazione dell'acido folico e dell'acido folinico può mascherare la carenza di vitamina B12 in questi individui. Il 5MTHF, tuttavia, non lo fa. Il bilanciamento della metilazione è richiesto attraverso lo stile di vita, la dieta, l'ambiente, la prospettiva mentale, la nutrizione. Questo può essere impegnativo, difficile da raggiungere, difficile da mantenere e richiede tempo. Cofattori devono completare la metilazione e disattivare la metilazione. I substrati in eccesso possono turbare la metilazione (feedback negativo). La metilazione è regolata da: * Molti enzimi che richiedono cofattori (derivati da vitamine / minerali) per essere attivati * Cofattori necessari per completare la metilazione * Cofattori necessari per disattivare la metilazione * Substrati eccessivi possono disattivare la metilazione tramite inibizione del feedback La metilazione è disturbata da: * Dieta - eccesso di proteine animali, grassi saturi, zuccheri, caffè, alcol * Mancanza di cofattori che guidano la metilazione verso il basso (Basso Zn, Mg, B6 P5P) * Farmaci ad esempio antiacidi (depauperano la B12), pillola contraccettiva orale, diuretici * Cattiva digestione, intestino permeabile * Fumo (esaurisce il folato, SAMe) * Niacina (esaurisce i gruppi metilici) * Tossine ambientali ad esempio acetaldeide (alcool, lieviti), metalli pesanti - Arsenico, Mercurio * Mutazioni genetiche (MTHFR, CBS, COMT, MS/MTR) * L'alto SAMe porta a livelli endogeni ridotti (tramite feedback negativo) * L'alta cisteina porta a livelli endogeni ridotti (tramite feedback negativo) * Un alto dosaggio orale di GSH(glutatione) porta a livelli endogeni ridotti (tramite feedback negativo)


La rimetilazione dell'omocisteina non è l'unica opzione disponibile per ridurre le concentrazioni di omocisteina; un'altra via, chiamata via di trans-solforazione, è la risposta per ridurre le concentrazioni di omocisteina attraverso la conversione metabolica dell'omocisteina in cisteina. Il primo enzima nella via di trans-solforazione, la cistationina beta-sintase (CBS), è un enzima dipendente dalla vitamina B6, che rende la piridossina un componente essenziale per la riduzione delle concentrazioni sieriche di omocisteina. La maggior parte dei folati nel siero sembra essere 5MTHF che correla con livelli di omocisteina. 5MTHF supplementare riduce l'omocisteina, come fa l'acido folinico. I folati naturali vengono distrutti dai raggi UV e dalla cottura; quindi, la fornitura dietetica di folato può essere insufficiente. I folati naturali sono facilmente degradati dall'acido gastrico, tuttavia, l'acido gastrico contiene anche vitamina C che può aiutare a proteggere la molecola di folato. Il fegato umano può metabolizzare solo circa 400mcg di acido folico entro un'ora. L'acido folico extra può apparire come acido folico non metabolizzato (UMFA). L'acido folico può competere con i folati naturali per il loro piazzamento sui recettori dei folati e sugli enzimi dei folati. S-adenosilmetionina (SAMe) dona un gruppo metilico in reazioni quali: * Produzione di melatonina. *Conversione della noradrenalina in adrenalina. *Produzione di fosfatidilcolina. *Metabolismo degli estrogeni e di altri catecoli. *è anche coinvolto nella metilazione del DNA. * SAMe: donatore principale di metile; GSH: il master antiossidante. Il SAMe è secondo solo all’ATP per gli enzimi coinvolti (dona il gruppo metilico a >200 enzimi). Un basso valore di SAMe rappresenta una bassa capacità di metilazione. S-adenosilomocisteina (SAH) inibisce molte reazioni della metiltransferasi (il che significa che SAMe non funzionerà in modo efficace). Poiché la conversione da SAH a omocisteina si verifica solo quando l'adenosina e l'omocisteina sono basse, vogliamo ridurre l'omocisteina se è troppo alta. Al momento del trasferimento del suo gruppo metilico, SAMe viene rapidamente convertito in SAH e idrolizzato alla omocisteina e all’adenosina. Questa è una reazione reversibile che favorisce la sintesi di SAH. Se l'omocisteina si è accumulata, sarà rapidamente metabolizzato in SAH che è un forte inibitore di tutte le reazioni di metilazione. Le attività degli enzimi metiltransferasi sono governate dal rapporto SA Me:SAH. Una porzione di SAMe:SAH<4.5 rappresenta una bassa capacità di metilazione. Se 5MTHF rientra nell'intervallo di riferimento ma il rapporto saMe o SAMe:SAH è basso, il blocco del ciclo di metilazione può essere più relativo a insufficiente B12 piuttosto che a folato insufficiente. Ciò può essere confermato con livelli elevati di metilmalonato come osservato negli esami degli ACIDI ORGANICI - Profilo dei COFATTORI DI METILAZIONE.

Glutatione (GSH) - il livello di GSH nel plasma è probabile che rifletta maggiormente lo stato del glutatione intracellulare dei tessuti rispetto al più comune e più facile misurare i livelli di glutatione delle cellule rosse o del sangue intero perché i globuli rossi sono normalmente produttori netti di glutatione. Anche la forma ridotta (distinta dal glutatione totale = ridotto + ossido) è più diagnostica dello stato della funzione del glutatione. Il glutatione è coinvolto nel metabolismo intracellulare della vitamina B12. Sono necessari adeguati livelli di glutatione per evitare il deficit di B12 e metilcobalamina insufficiente per supportarela sintesi della metionina nel ciclo di metilazione. Normalmente il glutatione ossidato (GSSG) viene riciclato in glutatione ridotto (GSH) dalla glutatione reduttasi che richiede B2(riboflavina). Se GSSG è elevato al di sopra dell'intervallo normale, questo rappresenta stress ossidativo. TEST INTEGRATIVI E FUNZIONALI CHE STIMANO LA CAPACITÀ DI METILAZIONE * L'omocisteina è un aminoacido associato all'aterosclerosi che può diventare elevato quando c'è bisogno di folato, vitamina B6(P5P) e / o vitamina B12. I livelli in eccesso di omocisteina sono stati correlati con molti disturbi cardiovascolari. Inoltre, diminuisce la sensibilità all'insulina e aumenta lo stress ossidativo. * Formiminoglutammato (FIGLU) è un marcatore funzionale del fabbisogno di folati (misurato in ACIDI ORGANICI — PROFILO DEI COFATTORI DI METILAZIONE). * Il metilmalonato (MMA) è un marcatore funzionale del fabbisogno di B12 (misurato in ACIDI ORGANICI — PROFILO DEI COFATTORI DI METILAZIONE). * Gli amminoacidi sono precursori per la metilazione; in più, molti aminoacidi subiscono metilazione durante il metabolismo, ad esempio la metionina è il precursore dell'omocisteina, mentre la glicina e la serina sono entrambi donatori di metile. Utilizzando gli amminoacidi, un medico può scrutare ancora più profondamente nello stato di metilazione di un paziente. Questo potrebbe essere appropriato in casi più complicati o refrattari di disturbi neuropsichiatrici, infertilità, o autismo. Ad esempio, se la metionina o la glicina sono anormali, ciò potrebbe indicare aberrazioni nella via di metilazione di un paziente, richiedente o più amminoacidi o più cofattori di metilazione. * Il vanilmandelato (VMA) e l'omovanillato (HVA) sono metaboliti urinari di neurotrasmettitori (di epinefrina e norepinefrina, e della dopamina). Quando bassi, VMA e HVA possono indicare una metilazione ridotta (clearance) soprattutto se presenti in combinazione con determinati sintomi (ansia estrema, stress o mania). Questi sono misurati nel profilo ACIDI ORGANICI — METABOLICI che includono anche FIGLU e MMA. Livelli bassi potrebbero anche indicare un COMT SNP che porta all'impossibilità di trasferire gruppi metilici. * Metilentetraidrofolato reduttasi (MTHFR) è un test genetico che ricerca l’attività dell'enzima MTHFR, la cui compromissione può ridurre la capacità di metilazione e causare omocisteina elevata. * Il rapporto di metilazione degli estrogeni (2OHE1:2OMeE1) valuta la capacità di una persona di metilare gli estrogeni, una fase critica nel metabolismo degli estrogeni. Il rapporto 2OHE1/2OMeE1 valuta se un paziente può trasformare il 2-idrossiestrone in 2- metossiestrone tramite metilazione (misurata nel profilo METABOLITI DI ESTROGENI — LIVELLO 3). Il rapporto 2-idrossiestrone (2OHE1)/2-metossiestrone (2OMeE1) indica con che efficienza un paziente può trasformare il 2-idrossiestrone in 2-metossiestrone utilizzando l' enzima catecol-o-metil transferasi (COMT). La metilazione è un meccanismo importante per disintossicare gli estrogeni ed eliminarli dal corpo. Alcune ricerche suggeriscono che un rapporto 2OHE1/2OMeE1 inferiore potrebbe essere protettivo contro il cancro al seno.




Sii consapevole che un singolo test non dice tutto quel che occorre. Ogni test esamina in un paziente la capacità di metilare da un’angolatura diversa.


Notare: cibi carichi di metionina possono elevare transitoriamente il livello di omocisteina; mutazioni MTHFR possono mostrare un tasso di folato maggiore negli eritrociti e minore nel plasma. Tabella SAMe:SAH: basso SAMe/ basso SAH; assumere metionina; basso SAMe/ alto SAH: tossicità da rame; assumere folato; alto SAMe/ basso SAH: sovrammetilatore; assumere metionina; alto SAMe/ alto SAH: assumere metionina. Ci sono due vie per abbassare l’omocisteina: trasformandola in metionina: via TMG, con zinco oppure tramite metilb12


SINTOMI DI SOVRA/SOTTO METILAZIONE Come descritto dal Dr. Carl Pfeiffer e dal Pfeiffer Treatment Center, questi elenchi di sintomi sono generalizzazioni e non sono adatti per la diagnosi a causa dell'ampia influenza di queste variabili. Nota, la pirroluria può sovrapporsi con squilibri di metilazione/istamina.


TRATTAMENTO DEI PROBLEMI DI METILAZIONE Attualmente sono disponibili numerosi trattamenti per problemi di metilazione. Se hai un'infiammazione, l'assunzione di 5-MTHF può peggiorare le cose, quindi potrebbero essere necessari integratori come la curcumina e l'olio di krill per aiutare a superare l'infiammazione. Dovrebbe essere utilizzato anche un donatore di metile come metionina, TMG o SAMe, tuttavia iniziare con le dosi più basse e aumentarle gradualmente per evitare un eccesso di metilazione che può peggiorare le cose in alcune persone. Il glutatione può anche essere integrato per aiutare ad aumentare i livelli bassi. Protocolli sviluppati dal Prof. Carl Pfeiffer e dal Dr William Walsh coinvolgono un donatore di metile come l'amminoacido metionina. Inoltre, il calcio aiuta a liberare la riserva di istamina del corpo, mentre lo zinco aiuta il programma calcio-metionina e fornisce sufficiente sollievo. Il trattamento tipico comprende i seguenti nutrienti in dosi elevate: calcio, magnesio, B6, vitamina C, zinco e metionina. Chi soffre di depressione indotta da sottometilazione dovrebbe evitare l'acido folico in quanto può ridurre ulteriormente i livelli di serotonina anche se può aiutare con la metilazione. Manganese, rame e colina possono anche peggiorare i sintomi della depressione e quindi dovrebbero essere evitati anch’essi nei casi depressivi. Se i sottometilatori cooperano con il trattamento e lavorano per eliminare le dipendenze dannose, la prognosi è buona con un miglioramento che di solito si nota in 4-8 settimane con circa 3-6 mesi necessari per correggere questo squilibrio chimico. La sottometilazione risponde a metionina, SAMe, Mg (magnesio), Ca (calcio), Zn (zinco), B6, inositolo, ma può reagire male ad acido folico, B12, colina. I sovrametilatori hanno scarse reazioni a medicazioni SSRI e {hanno?} sensibilità chimiche; possono avere bassi livelli di istamina, rame elevato. L'integrazione con acido folinico, B12, B5 (acido pantotenico) e B3(niacina) può aiutare questi individui. Per saperne di più su questo protocollo, vedere Mental Illness: The Nutrition Connection, un libro del Prof. Carl Pfeiffer. CONSIGLI PER IL TRATTAMENTO


• Usa TMG (trimetilglicina o betaina), non DMG (dimetilglicina o B15) per diminuire l'omocisteina. • Limita l'acido folico dai cibi fortificati (spesso carboidrati, pasta, pane, e snack confezionati). • Cessate l'acido folico. L'acido folico è sintetico. Elevati livelli sierici di acido folico non significano necessariamente buoni livelli di 5MTHF. • Usare acido folinico e/o 5MTHF, e usarlo con la metil-B12. • Servono B6 (P5P) e B2 (riboflavina) per fare il 5MTHF. Occorre la B6 (P5pP) per il GSH (glutatione). • SAMe ha bisogno di magnesio come cofattore. La TMG ha bisogno di zinco come cofattore. • Il metilfolato può aumentare l'ossido nitrico (NO). NO e superossido portano ad un aumento della nitrotirosina/perossinitrito che è ossidativo. • Elevato contenuto di Niacina (B3) -- può portare a livelli elevati di serotonina nei soggetti con un problema di MAO. • Elevati folati e B12 nel sangue non significano necessariamente buoni livelli cellulari o tissutali. • B12 elevato — possibile problema della transcobalamina, MTHF basso o crescita eccessiva di lievito. • Elevata istamina - porta a una riduzione della SAMe poiché è scomposta dalla SAMe. Pertanto, un basso SAMe porta a un aumento dell'istamina e un alto SAMe porta a una riduzione dell'istamina. • Basso glutatione: può portare a una diminuzione della SAMe. • Bassa omocisteina: malattia cronica dovuta all'uso per produrre GSH e placare lo stress ossidativo. • Bassa omocisteina - può significare mutazione CBS SNP o alta supplementazione di B6. • L'elevata omocisteina può essere dovuta a un problema di CBS (B6) regolato verso il basso. • Un'elevata omocisteina è associata ad un aumentato rischio di CVD (malattia cardiovascolare). La migliore raccomandazione per la prevenzione primaria è livelli < 8 umol/L. • Meglio usare TMG, acido folinico, B6 e B12 per ridurre l'omocisteina. • SAH (omocisteina) elevato: utilizzare la betaina (TMG) per ridurlo. • È stato scoperto che l'olio di pesce, in particolare il DHA, aumenta l'espressione di numerosi enzimi coinvolti nel metabolismo mediato dai folati monocarburici (di un carbonio). • Ridurre lo stress ossidativo/l'infiammazione prima dell'integrazione di 5MTHF. • Non appena il paziente si sente bene, dirgli di FERMARE GLI INTEGRATORI. Non volere sovra-integrare e sovra-stimolare. Ricomincia quando si sente di nuovo male. tabella : la metilazione in pratica





USO DEL METILFOLATO NELLA DEPRESSIONE Il cervello utilizza 5MTHF per regolare la sintesi o la produzione di neurotrasmettitori e così può aiutare a regolare l'umore. Il 5MTHF agisce come cofattore enzimatico nella rimetilazione di BH2 in BH4 e dell'omocisteina in metionina e quindi nella produzione di SAMe che sembra anche regolare l'umore. 5MTHF, B12, SAMe possono essere utilizzati per potenziare gli antidepressivi nei pazienti depressi che non rispondono adeguatamente al trattamento o potenzialmente come trattamento autonomo. BH4 è di fondamentale importanza nella produzione di neurotrasmettitori a partire dal cofattore (MTHF). Ricorda, il riciclaggio di BH4 viene eseguito da MTHF. Pertanto, se non c'è MTHF, allora c'è un basso BH4 e una carenza di neurotrasmettitori. L’alta supplementazione di MTHF porta a un SAMe elevato che inibisce l'MTHF (feedback) che quindi abbassa BH4. Tabella di confronto tra acido folico e metilfolato.



GLUTATIONE Biochimica e metabolismo Il glutatione ridotto (GSH) è un tripeptide lineare di L-glutammina, L-cisteina e glicina. Tecnicamente anche NL-gamma-glutamil-cisteinil glicina o L-glutatione, la molecola ha un gruppo sulfidrilico (SH) sulla porzione cisteinilica, che spiega il suo forte carattere di donatore di elettroni. Quando gli elettroni vengono persi, la molecola si ossida e due di queste molecole vengono collegate (dimerizzate) da un ponte disolfuro per formare glutatione disolfuro o glutatione ossidato (GSSG). Questo collegamento è reversibile in caso di ri-riduzione. Il glutatione è sotto stretto controllo omeostatico sia a livello intracellulare che extracellulare. Viene mantenuto un equilibrio dinamico tra la sintesi di GSH, viene riciclato dal GSSG/glutatione ossidato, e il suo utilizzo. La sintesi del glutatione coinvolge due reazioni strettamente collegate, controllate enzimaticamente che utilizzano l'ATP. In primo luogo, la cisteina e il glutammato sono combinati dalla gamma-glutamil cisteinil sintetasi. In secondo luogo, la GSH sintetasi combina la gamma-glutamilcisteina con la glicina per generare il glutatione. Quando i livelli di glutatione aumentano, autolimitano l'ulteriore sintesi di GSH; altrimenti è e, la disponibilità di cisteina è solitamente limitante la velocità. Il digiuno, la malnutrizione proteico-energetica o altre carenze di aminoacidi nella dieta limitano la sintesi del glutatione. Il riciclaggio del glutatione è catalizzato dalla glutatione disolfuro reduttasi, che utilizza equivalenti riducenti da NADPH per riconvertire GSSG in 2GSH. Il potere riducente dell'ascorbato aiuta a conservare il glutatione sistemico. Glutatione è usato come cofattore da: * Enzimi multipli perossidasi, per disintossicare i perossidi generati dall'attacco dei radicali dell'ossigeno alle molecole biologiche; * Transidrogenasi, per ridurre i centri ossidati su DNA, proteine e altre biomolecole; e * Glutatione S-transferasi (GST) per coniugare il glutatione con sostanze endogene (es. estrogeni), elettrofili esogeni (es. ossidi di areni, carbonili insaturi, alogenuri organici) e diversi xenobiotici. Bassa attività della GST può aumentare il rischio di malattie, ma paradossalmente, alcuni coniugati di glutatione possono anche essere tossici. Anche l'attacco diretto dei radicali liberi e di altri agenti ossidanti può esaurire il glutatione. Il ciclo redox omeostatico del glutatione tenta di mantenere il glutatione reintegrato mentre viene consumato. Le quantità disponibili dagli alimenti sono limitate (meno di 150 mg/die) e l'esaurimento ossidativo può superare la sintesi.


Il fegato è il più grande serbatoio di glutatione. Le cellule parenchimali sintetizzano il GSH per la coniugazione di P450 e numerosi altri requisiti metabolici, quindi esportano il GSH come fonte sistemica di potere di riduzione dell'SH. Il glutatione viene trasportato nella bile al compartimento luminale intestinale . I tessuti epiteliali dei tubuli renali, del rivestimento intestinale e del polmone hanno una sostanziale attività P450 e una modesta capacità di esportare il glutatione. Gli equivalenti del glutatione circolano nel sangue principalmente sotto forma di cistina, la forma ossidata e più stabile della cisteina. Le cellule importano la cistina dal sangue, la riconvertono in cisteina (probabilmente usando l'ascorbato come cofattore) e da essa sintetizzano il GSH. Al contrario, all'interno della cellula, il glutatione aiuta a ri-ridurre le forme ossidate di altri antiossidanti, come l'ascorbato e l'alfa-tocoferolo (E).

Meccanismo di azione Il glutatione è un protettore cellulare estremamente importante. Estingue direttamente i radicali liberi idrossilici reattivi, altri radicali liberi centrati sull'ossigeno e i centri radicali sul DNA e altre biomolecole. Il glutatione è un protettivo primario di pelle, cristallino, cornea e retina contro i danni da radiazioni e altri fondamenti biochimici della disintossicazione tramite P450 nel fegato, nei reni, nei polmoni, nell'intestino, negli epiteli e in altri organi. Il glutatione è il cofattore essenziale di molti enzimi che richiedono equivalenti di riduzione dei tioli e aiuta a mantenere i siti attivi redox sensibili sull'enzima nello stato ridotto necessario. I sistemi cellulari di tiolo di ordine superiore, le metallotioneine, le tio redossine e altre proteine regolatrici di ossidoriduzione sono in definitiva regolati dai livelli di glutatione e dal rapporto redox GSH/GSSG. L'equilibrio GSH/GSSG è fondamentale per l'omeostasi, stabilizzando lo spettro biomolecolare cellulare e facilitando le prestazioni e la sopravvivenza cellulari. Il glutatione e i suoi metaboliti si interfacciano anche con energetici e sintesi di neurotrasmettitori attraverso diverse importanti vie metaboliche. La disponibilità di glutatione riduce il potenziale pro-infiammatorio dei leucotrieni e di altri eicosanoidi. I metaboliti S-nitroso recentemente scoperti, generati in vivo da glutatione e NO (ossido nitrico), diversificano ulteriormente l'impatto del glutatione sul metabolismo.

VALUTAZIONE DELLO STATO GSH: GGT La gamma glutamil transferasi (GGT) si trova sulla superficie esterna di tutte le membrane cellulari e svolge un ruolo chiave nell'omeostasi del glutatione in tutte le cellule, ma è particolarmente importante all'interno degli epatociti. Il GGT è responsabile della scomposizione del GSH extracellulare e della fornitura di cisteina, il substrato limitante la velocità per la sintesi intracellulare di GSH.(22,23)


Il GGT è un indicatore sensibile dell'infiammazione epatica e del danno ossidativo ed è stato ampiamente utilizzato come indicatore del consumo eccessivo o cronico di alcol. Tuttavia, ricerche recenti indicano che può anche essere un buon marcatore surrogato per una maggiore necessità di disintossicazione.(24,25) Questo perché GGT gioca un ruolo chiave nella sintesi e degradazione del glutatione e quindi è un marcatore di fabbisogno di glutatione. Dato che il glutatione è il principale antiossidante intracellulare ed è fondamentale per la disintossicazione da farmaci e xenobiotici, il GGT può essere utilizzato come marker per la capacità di disintossicazione. In sostanza, l'aumento dell'esposizione alle tossine, lo stress ossidativo o il danno agli epatociti aumenta la domanda di GGT, aumentando i livelli. Se c'è stata un'esposizione xenotossica, i livelli di GGT aumenteranno ma l'alanina aminotransferasi (ALT), la fosfatasi alcalina (ALP) e l'aspartato aminotransferasi (AST) rimarranno spesso normali. Nelle donne adulte, i livelli di GGT dovrebbero essere <30 unità/L, mentre negli uomini dovrebbero essere <50 unità/L (gli uomini hanno livelli più elevati di GGT a causa della normale produzione prostatica sana). Qualsiasi aumento dei livelli di GGT al di sopra di questo indica una maggiore necessità di glutatione cellulare, solitamente a causa della tossicità. Il GGT cellulare è coinvolto nel riciclo del glutatione extracellulare, noto come ciclo gamma glutamil. La GGT rilascia glutammato e cisteinil glicina, che viene scissa in cisteina e glicina. La GGT cellulare è necessaria per il metabolismo e l'esportazione delle tossine coniugate dalla glutationazione. Questa esportazione di tossine coniugate per l'escrezione attraverso la bile o l'urina è nota come disintossicazione di fase II. Il GGT ha una relazione reciproca con il glutatione: una diminuzione del glutatione intracellulare è associata a un aumento dei livelli di GGT, poiché il GGT tenta di importare più aminoacidi nella cellula per la produzione di glutatione. Questa relazione inversa è stata confermata negli studi sugli animali; in uno studio, i topi sono stati nutriti con una dieta carente di proteine che ha comportato una riduzione dei livelli di glutatione. È stato notato che durante questa dieta i livelli di GGT sono aumentati. Una volta sostituito con una dieta ricca di proteine, i livelli di glutatione sono aumentati, il che è correlato a una diminuzione del GGT. Anche altri studi su topi abbacchiati hanno dimostrato che topi carenti di glutatione hanno aumentato i livelli di GGT. Integratori, tra cui N-acetilcisteina, S-adenosilmetionina SAMee proteine del siero di latte hanno dimostrato di aumentano il contenuto di glutatione cellulare nelle persone che soffrono di una carenza di glutatione correlata a malattie. È stato dimostrato che lo zinco ha una certa influenza sulla sintesi de novo del glutatione. Inoltre, il magnesio ha un'influenza significativa sulla sintesi del glutatione, sembra essere un cofattore essenziale.


SQUILIBRI DI ISTAMINA PIRROLURIA




SNP MTHFR Sempre più indagato è il polimorfismo a singolo nucleotide della metilentetraidrofolato reduttasi (SNP MTHFR ). L'enzima MTHFR porta alla produzione di metil-folato (5-MTHF o 5-metiltetraidrofolato), forma predominante del folato che circola nell'organismo. Il metil-folato è necessario per riciclare l'omocisteina in metionina. Le varianti genetiche dell'MTHFR possono influenzare la suscettibilità ai difetti del tubo neurale, alle malattie vascolari occlusive, alla leucemia acuta e al cancro del colon. Questo test genetico può rivelare una variazione che colpisce l'enzima MTHFR e può in definitiva compromettere la metilazione. I pazienti con malattie cardiovascolari, disturbi neuropsichiatrici, schizofrenia o tendenze suicide possono trarre beneficio da questo test. Un'omocisteina cronicamente alta che non si normalizza con le vitamine del gruppo B è un indizio che l'MTHFR potrebbe essere ompromesso. Sono coinvolti numerosi enzimi, quindi non possiamo necessariamente limitare l'indagine alla sola variazione genetica dell'MTHFR. A causa della varietà di possibili mutazioni genetiche che interessano la funzione enzimatica, è importante valutare i marcatori funzionali della metilazione, non solo i marcatori genetici. L'omocisteina può essere elevata mentre FIGLU e MMA sono normali in un paziente con SNP MTHFR. Le variazioni dei polimorfismi MTHFR influenzeranno i livelli ematici di diverse forme di folati. Anche con i polimorfismi MTHFR, l'integrazione di acido folico/folinico porta a buoni livelli sierici soprattutto se assunta con vitamina B2 (Riboflavina).

Varianti MTHFR Ed Effetti



MTHFR C677T ETEROZIGOSI + A1298C ETEROZIGOSI = 40% di perdita di funzione



Considera anche per quelli: cure preconcezionale, displasia cervicale, sensibilità ai farmaci, sensibilità agli integratori, alta istamina, alta B12. Avere due varianti di MTHFR è più comune che avere un'elevata omocisteina o qualsiasi condizione di salute collegata a un'elevata omocisteina. Pertanto MTHFR non riguarda solo l'alta omocisteina. La mutazione MTHFR 1298 è associata a danno neurologico (a causa della bassa biopterina). BH4 è necessario per convertire la tirosina in dopamina, il triptofano in serotonina e l'arginina in ossido nitrico. L’MTHFR 1298 non è vista in modo così grave come il polimorfismo 677.

NUTRIENTI DI SUPPORTO PER MTHFR

* acido folinico; o L-metilfolato (5MTHF): assumere con vitamina C 300-900 mg * B12 sublinguale; o metilcobalamina e/o idrossicobalamina (e/o adenosilcobalamina) * Vitamina E (tocoferoli misti), D3, C, B2, B6 (P5P) * Olio di krill, olio di pesce (EPA/DHA) * Curcumina; silimarina; Withania, altri adattogeni * Se (selenio), Zn (zinco), Mg (magnesio), K (potassio) * NAC (n-acetilcisteina), MSM (metil-sulfonil-metano) , SAMe, Metionina, Inositolo, TMG, CoQ10, ALA (acido alfa lipoico), L-Carnitina, Ribosio * glutatione * Probiotici * Multivitaminico/minerali

La dieta da sola può influenzare i cambiamenti nella metilazione. Aumenta la metilazione dietetica tramite: * Proteine di origine animale: creatina, colina, B12, carnitina * Metionina — uova, proteine di soia, spirulina * Vitamina B6 — granaglie, proteine di soia, noci, semi (attenzione negli stati infiammatori) * I vegetariani devono integrare - creatina, colina, B12 e carnitina. Affetti da: * Stili di vita — carne e patate, vegano/vegetariano, obesità, atleti, tipo As. * Dipendenze — alcol, fumo * Ambiente — metalli pesanti, pesticidi/erbicidi, xenobiotici * Farmaci — paracetamolo, antiacidi, protossido di azoto


MTHFR C677T PROTOCOLLO BASE (www.mthfr.net) Quando si avvia un protocollo MTHFR, non iniziare il trattamento finché non si sono presi in considerazione i pazienti: * Storia, stile di vita, dieta. Inizia idealmente prima con la salute di base. In caso contrario, sono probabili effetti collaterali. * Assunzione dietetica - passa a GAPS o Paleo, a bassa reattività. * Tossine ed esposizione chimica? Ridurle. * Digestione? Migliorala. Guarda CDSA/parassitologia. * Farmaci - cerca gli antagonisti dei folati. * Integratori - cosa peggiora i pazienti? Ridurli. * Rimuovere tutto l'acido folico dalla dieta. * Considera B2, B12, B6; Mg. * Livelli di omocisteina. * Stress ossidativo. * Salute della tiroide e delle ghiandole surrenali. * Livelli di acidi grassi. Il risultato dell'integrazione con vari nutrienti può variare enormemente a causa di altri difetti genetici, scelte dietetiche e di stile di vita ed esposizioni ambientali.

SE MTHFR C677T ETEROZIGOSI O OMOZIGOSI: Le maggiori differenze nelle raccomandazioni tra questi due tipi di mutazioni sono: * L'acido folico deve essere evitato più seriamente dagli individui omozigoti; * La quantità di metilfolato richiesta per le mutazioni omozigoti è maggiore; * Il fabbisogno di fluidificazione del sangue è maggiore per gli individui omozigoti.


Raccomandazioni comuni per supportare quelli con mutazioni MTHFR C677T: * Limitare l'ingestione di acido folico negli alimenti fortificati (pasta, pane, prodotti forno) poiché non possono elaborare bene l’acido folico. * Limitare o interrompere l'assunzione di integratori o farmaci contenenti acido folico. * Evitare i farmaci che bloccano l'acido folico quali il controllo delle nascite o il metotrexato. * Evitare i farmaci che contengono omocisteina come il protossido di azoto (usato in odontoiatria). * Evita gli antiacidi poiché bloccano l'assorbimento della vitamina B12 e di altri nutrienti. * Elimina il glutine dalla dieta, in particolare il grano. * Eliminare o ridurre i latticini dalla dieta. * Limitare l'assunzione di alimenti trasformati * Aumenta l'assunzione di cibi integrali (attenzione in caso di infiammazione intestinale) e pasti preparati in casa. * Assumi una varietà di 'arcobaleno' di colori da frutta e verdura ogni giorno. * Limitare l'assunzione di cibi ad alto contenuto di metionina se l'omocisteina è elevata. * Consumare pasti più piccoli, ma più frequenti, durante il giorno con qualche forma di proteine. * Evitare di cuocere, bere, conservare e riscaldare in qualsiasi tipo di contenitore di plastica.

Raccomandazioni generali supplementari per MTHFR C677T Sebbene questi siano gli integratori generali raccomandati dal dottor Lynch, non consiglia mai di assumerli tutti subito. Inizia assumendo prima il nutriente importante (a seconda dell'individuo) in una piccola quantità per almeno alcuni giorni per vedere la risposta del paziente. Se il paziente risponde bene, continua e aggiungi un altro supplemento. In questo modo puoi facilmente identificare se un integratore o un nutriente specifico sta causando problemi. NOTA: Se il paziente non è sensibile agli integratori in generale, si consiglia di iniziare con un multivitaminico e multiminerale completo poiché questo supporta numerose funzioni biochimiche all'interno del tuo corpo. Fornisce anche un banco di prova veloce per vedere se rispondi bene a numerosi nutrienti. Se un paziente non tollera bene un multivitaminico, questo è un segno che è necessario procedere più lentamente e lavorare prima sulla guarigione dell'intestino/digestione e sull'assunzione dietetica e sulle abitudini di vita .


NOTA: Molte persone pensano che una volta consigliato un integratore, sia necessario assumerlo tutti i giorni, a volte più volte al giorno e per sempre. SBAGLIATO. Questo è un ERRORE COMUNE fatto da pazienti e professionisti. Un integratore è definito come "qualcosa che completa o migliora qualcos'altro quando viene aggiunto ad esso". Ciò significa che un integratore migliora la tua biochimica e fisiologia e, una volta completato, interrompe. Se continui a integrare oltre al ompletamento o al miglioramento della biochimica del tuo paziente, lo spingerai oltre dove dovrebbe essere. Il tuo paziente sta già assumendo metilfolato e si sente bene? Eccellente! Tuttavia, potrebbe essere un periodo di "luna di miele" e in pochi giorni o settimane, potrebbero apparire effetti collaterali. "Ho fatto passare le persone dall'"altra parte" non dando impulsi sul metilfolato e non preparando la loro biochimica per questo. È molto più difficile riportarli dov'erano che impedire loro di ottenere effetti collaterali in primo luogo. L'ho visto accadere fin troppo - causato da me, causato da altri medici e causato da persone sovraeccitate che si sentono fantastiche e spingono troppo il loro sistema con il metilfolato. Il metilfolato è potente. Queste due raccomandazioni possono fare una differenza significativa nel modo in cui le persone rispondono al metilfolato e alla metilazione in generale.

1. Elettroliti 2. Glutatione

1. Elettroliti. Il metilfolato supporta la metilazione. La metilazione supporta la crescita e la divisione cellulare. Le cellule contengono magnesio e potassio e glutatione. Se qualcuno di questi è carente, la cellula non funziona regolarmente. Poiché le cellule non funzionano correttamente, i pazienti possono sperimentare maggiori effetti collaterali e una loro riacutizzazione del sistema immunitario. Soluzione: assumere gli elettroliti PRIMA di assumere qualsiasi forma di metilfolato O metilcobalamina. Chi ha bisogno di elettroliti? Dato che un numero significativo di persone è carente di potassio — la maggior parte .


Segni chiave della necessità di elettroliti: * Nausea * Vertigini * Minzione frequente * Bere acqua potabile e poi dover andare in bagno abbastanza velocemente * Dolori/spasmi muscolari * Sete frequente e insaziabile * Pelle secca Problemi chiave che aumentano la necessità di elettroliti: * Stress * Esercizio * Sudore * Dieta ricca di sodio/povera di potassio (COME NELLA MAGGIOR PARTE DI NOI) * Assunzione di caffeina * Alimenti trasformati (a causa dell'alto contenuto di sodio/basso di potassio) * Dieta ad alto contenuto proteico (GAPS e Paleo— magnesio e potassio ad alto contenuto proteico — soprattutto se non si mangiano verdure verdi) Come assumere gli elettroliti: sorseggia o bevi una porzione 20 minuti prima dell'esercizio e possibilmente un'altra porzione durante o dopo, a seconda della durata dell'attività. Se non sei attivo a causa della stanchezza, aggiungi semplicemente da ½ a 1 porzione in un bicchiere alto di acqua filtrata e bevi per un periodo di tempo più lungo. 2. Glutatione Poiché il metilfolato supporta la metilazione, le cellule si dividono. Quando le cellule si dividono, la quantità di glutatione che hanno si riduce. Se uno è già carente di glutatione - e molte persone con MTHFR sono carenti di glutatione - allora ci sarà una riacutizzazione di effetti collaterali. Gli alimenti che aumentano il glutatione sono quelli che contengono cisteina, glutammina e glicina. Richiede anche il trasporto di magnesio, ATP, aminoacidi attraverso la membrana cellulare e anche la membrana mitocondriale esterna. Quindi questi componenti lavorano insieme per formare il glutatione . Quindi, una volta formato il glutatione, si consuma rapidamente SE c'è selenio adeguato. Dopo essere stato utilizzato, è danneggiato e deve essere riparato e ciò richiede la vitamina B2 come riboflavina attiva. Questa forma attiva di riboflavina è FAD e ha bisogno dell'ormone tiroideo T4 per formarla. Soluzione: il modo più semplice per aumentare i livelli di glutatione è con il glutatione liposomiale. Ciò consente al glutatione di "scivolare" all'interno della cellula con minuscoli liposomi. In effetti, questo è più efficace nell'aumentare i livelli di glutatione nei globuli rossi rispetto al glutatione IV e significativamente meno costoso. Puoi anche ottenere capsule di glutatione orale e precursori del glutatione. Chi ha bisogno del glutatione? La maggior parte delle persone, specialmente quelle con qualsiasi condizione cronica, poiché è probabile che abbiano un basso contenuto di glutatione. Come prendere il glutatione: Inizia molto lentamente con una piccola quantità. Se sei sensibile alle cose in generale, inizia con poche gocce. È probabile che sia raccomandato anche il glutatione pulsante. Ciò significa prenderlo a giorni alterni o inizialmente pochi giorni. Man mano che continui a migliorare o a sentirti meglio, puoi aumentare la frequenza o il dosaggio, lentamente. NOTA: se il tuo paziente si sente peggio, chiedigli di interrompere l'assunzione. Potrebbe essere necessario aprire prima la loro via del solfito con la vitamina B1 (tiamina) e il molibdeno. Se sai che non tolleri i solfiti - vino, frutta secca - o cibi contenenti zolfo come uova, verdure crocifere o la tua flatulenza odora di zolfo, allora dovresti anche supportare la via del solfito prima con B1 e molibdeno prima di assumere glutatione. Si consiglia inoltre di evitare cibi e integratori contenenti zolfo per alcuni giorni per aiutare a liberare la via del solfito. Vitamine e Surrenali Naturalmente, ci sono altri fattori in gioco, come una carenza generalizzata di varie vitamine del gruppo B e altri minerali. Se sospetti che il tuo paziente possa essere carente di vari minerali o vitamine, è importante reintegrarli prima di sostenere con metilfolato o metilcobalamina. Perché se li sostieni con questi due potenti nutrienti donatori di metile, questo può causare un "intasamento" nella loro biochimica. Questo "intasamento" può verificarsi nel modo in cui le sostanze chimiche del cervello (neurotrasmettitori) si formano e/o vengono eliminate. Se ritieni che il tuo paziente abbia uno stato di minerali e vitamine ok, tranne le vitamine del gruppo B, integra prima senza metilfolato e metilcobalamina. Questo aiuta a innescare molti percorsi biochimici senza stimolare la metilazione. La maggior parte delle persone risponde molto bene a questo. Anche ridurre lo stress del paziente e sostenere le sue ghiandole surrenali dà i migliori risultati. Lo stress è uno stimolatore diretto della metilazione. Se si riduce lo stress, la richiesta di metilazione diminuisce. Pertanto, la dipendenza dai nutrienti come il metilfolato e la metilcobalamina diminuisce. Se uno è stressato, sta consumando una varietà di nutrienti - e il suo cortisolo è probabilmente basso - soprattutto se è stato stressato o ansioso per un po' di tempo. Questo porta ad autoimmunità, affaticamento, ipotiroidismo, deperimento, scarsa memoria, difficoltà ad alzarsi dal letto al mattino, minzione frequente (perdita di K (potassio) e ritenzione di Na (sodio)).


Il supporto delle ghiandole surrenali può essere abbastanza rapido se: Si mangia correttamente Se si evitano caffeina e stimolanti Se si integra con adattogeni Se si dormire prima delle 23:00 Se si riposa almeno 7 ore ogni notte Se aumentano le attività che ti piacciono davvero.

RIASSUNTO Introduci un nutriente o un cambiamento alla volta, ogni pochi giorni, in modo da avere la certezza che sta aiutando, non facendo nulla o ostacolando. Se aggiungi molte cose o modifichi molte cose in una volta, diventa frustrante cercare di individuare cosa sta succedendo. È importante preparare le cellule e altri percorsi biochimici prima di stimolarli con metilfolato e metilcobalamina. Seguire le raccomandazioni sullo stile di vita, la dieta e l'ambiente come sopra nel PROTOCOLLO BASE MTHFR è un primo passo molto importante. Il prossimo passo è iniziare con alcuni principi base — e queste nozioni di base sono come spiegato sopra: o elettroliti o glutatione o Vitamine del gruppo B (senza B12 e senza metilfolato) o multivitaminico/multiminerale (senza B12 e senza metilfolato, e anche senza ferro o rame) o ridurre lo stress sostenendo lo stile di vita, la dieta e le ghiandole surrenali. EVITARE · Prescrivere 5MTHF ad alte dosi senza titolazione — potenziali effetti collaterali. · Dare prima 5MTHF invece di metilB12 in quanto può portare all'intrappolamento del metile. · Prescrivere più integratori per farli iniziare la giornata. · Esecuzione di potenti terapie come clisteri al caffè, saune, bagni di sale Epsom prima del completamento dei lavori di fondazione. · Misurare l’omocisteina come guida per l’"impostazione terapeutica" – totalmente impreciso come marcatore in quanto ha altre quattro vie per ridurne i livelli.


EFFETTI COLLATERALI CON METILFOLATO Se il tuo paziente si sente costantemente migliorato, allora sei sulla strada giusta. Se il tuo paziente inizia a sentirsi pesante, stanco, secchezza delle fauci, irritabile, "tossico" o comunque "non corretto", allora qualcosa nel tuo protocollo deve cambiare. Questi sono tutti segni che bisogna essere consapevoli altrimenti si sta potenzialmente aumentando la circolazione delle tossine e non le si eliminano adeguatamente. Devono essere identificati gli effetti collaterali indesiderati comuni del metilfolato, come ad esempio: * Dolori muscolari/articolari * Mal di stomaco * Nausea * Mal di testa * Irritabilità * Ansia * Depressione * Insonnia * Palpitazioni * Eruzione cutanea * Reazione di Herxheimer * Convulsioni * Sudore Se la metilazione diventa eccessiva, si verificheranno effetti collaterali come indicato sopra. Ciò richiede un aggiustamento nel protocollo del paziente. Se si verificano effetti collaterali, è probabile che la quantità di integrazione debba essere ridotta. Ci sono altri passaggi che devono essere presi prima di integrare con metilfolato se questi effetti collaterali accadono. Ad esempio, queste regolazioni possono variare da: * Arresto di tutti i nutrienti di supporto alla metilazione; * Assumere questi nutrienti 4 giorni sì e 3 giorni no; * Prendendoli a giorni alterni; * Assumendoli solo al mattino; *Diminuendo il dosaggio preso ogni due settimane.


PER NEUTRALIZZARE GLI FFETTI COLLATERALI * 50-100 mg di niacina a rilascio temporale — La niacina viene scomposta tramite metilazione da SAMe. La niacina aiuta anche a scomporre il glutammato e ad aumentare il GABA. (Fare attenzione per 20-30 minuti a causa del rilascio di istamina) * Curcumina — riduce l'infiammazione. Se somministrare 5MTHF prima del controllo dell'infiammazione, i sintomi dei pazienti peggioreranno. * Valutare i livelli di potassio. Comunemente a basso contenuto di reazioni "disintossicanti". Integratore con cibi ad alto contenuto di potassio: albicocche, avocado, datteri, succo di carota, mandorle, fagioli cotti, fagioli di lima, patate. TEORIA L'eccesso di 5MTHF e BH4 aumenta i livelli di noradrenalina e adrenalina provocando un aumento ansia, palpitazioni. L'eccesso di 5MTHF può anche utilizzare BH4 causando così un aumento di perossinitrito e ossido nitrico. Questi causano dolore, mal di testa e indolenzimento. Se non si tollera il metilfolato: smetti. Guarisci l'intestino, cambia dieta, controlla l'Helicobacter pylori, test genetico (COMT, CBS e MAO) e altri esami. Se non tolleri la metilB12: passare a IDROSSICOBALAMINA — iniziare a basso dosaggio e titolare. Guarisci l'intestino, cambia dieta, controlla l'Helicobacter pylori, test genetico (COMT, CBS e MAO) e altri esami.


FARMACI DA EVITARE CON MTHFR



ALTRE MUTAZIONI GENE DA CONSIDERARE Considera i seguenti SNP: MTHFR; COMT, MAO A, CBS, MTR/MTRR, GSTM1, SOD, GAD, HNMT, QDPR, NOS, SUOX. COMT, MAO — elabora il catabolismo dei neurotrasmettitori e gli estrogeni CBS — elabora l'omocisteina e, se non regolato, esaurisce il CH3, aumenta la taurina MTR/MTRR — ricicla B12 e elabora B12 per la produzione di metionina GST1, SOD — importante disintossicazione. GAD - trasforma il glutammato in GABA HNMT — elabora l'istamina (enzima secondario; DAO è primario) QDPR — ricicla BH4 NOS — elabora l'ammoniaca, forma NO dall'arginina SUOX — elabora solfiti/zolfo e questo SNP è peggiorato dalla regolamentazione CBS DAO inibito dall'alcol, quindi il vino provoca la reazione dell'istamina. Attenzione all'uso di 5MTHF in quelli con mutazione del gene COMT in quanto può portare a incrementare dopamina il quale porta livelli elevati di noradrenalina e adrenalina. Attenzione assunzione di glutatione che porta alla via di regolazione della CBS. Usare Se, cisteina, B6 e vitamina C. Vedere aumento dell'ammoniaca nella mutazione CBS o BH4 ridotto. Vedere www.smartdna.com.au o www.fitgenes.com per ulteriori test SNP.


CONCLUSIONE La metilazione può essere considerata il crocevia del metabolismo. L'interruzione della metilazione può quindi essere concettualizzata o come causa di vari sintomi e patologie o come conseguenza di vari sintomi, stili di vita e scelte dietetiche. È noto che varie vie metaboliche coinvolte nella metilazione sono guidate da specifici nutrienti coenzimatici, che quando esauriti o carenti possono portare a disfunzioni delle vie su cui agiscono. È forse meno noto che vari polimorfismi genetici, condizioni diagnosticate, farmaci, ormoni, nutrienti, diete e circostanze dello stile di vita possono contribuire alla disponibilità di questi nutrienti coenzimatici essenziali. Considerando l'influenza della metilazione (e le varie vie coinvolte) è quindi prezioso per utilizzare e integrare la tua conoscenza di tutti questi fattori nell'interpretazione della biochimica del tuo paziente — mira a integrare la patologia e i test genetici con la tua conoscenza delle condizioni diagnosticate, dei farmaci, dei profili ormonali, delle esigenze dietetiche e delle scelte di stile di vita del tuo paziente. Attraverso l'adattamento di questo approccio integrativo e personalizzato, la metilazione non deve necessariamente essere un fenomeno da trattare, ma piuttosto uno che può arricchire la vostra comprensione della fisiologia attuale di voi pazienti e dei problemi che presentano. Anche se potrebbe sembrare un semplice gruppo di carbonio e idrogeno che viene passato tra le sostanze chimiche, la metilazione è in realtà molto importante nel mondo della biochimica nutrizionale. Può essere la differenza tra la vita e la morte o la salute e la malattia. I pazienti alle prese con infertilità, autismo, cancro e ictus o eventi cardiaci possono tutti trarre grandi benefici dalla valutazione dei marcatori di metilazione. Come discusso, nessun test è sufficiente per trarre conclusioni definitive sulla capacità di metilazione di un paziente. Sebbene l'omocisteina sia un marcatore di metilazione ampiamente riconosciuto, altri marcatori possono aiutare il medico a visualizzare la capacità di metilazione di un paziente da diverse angolazioni. Il test genetico, MTHFR e marcatori come FIGLU, MMA e 5-MTHF possono essere utilizzati con l'omocisteina per valutare lo stato di metilazione di un paziente. Infine, gli aminoacidi, il metabolismo degli estrogeni e i metaboliti dei neurotrasmettitori possono fornire ulteriori informazioni sui percorsi di metilazione di un paziente.


RISORSE www.mthfr.net www.mthfrsupport.com.au www.mthfrsupport.com

GLOSARIO

SAMeS SAH T™MG Acido folico Acido folinico SMTHF FIGLU MMA PSP NAC S-adenosilmetionina S-adenosilomocisteina TMG Trimetilglicina (nota anche come betaina) Folato (forma sintetica) Noto anche come folinato di calcio, 5-formil-THF. 5MTHF 5-metiltetraidrofolato (forma comune di folato in natura, sebbene instabile). Conosciuto anche come metilfolato FIGLU Acido formiminoglutammico MMA Acido metilmalonico P5P Piridossal-5-fosfato N-acetil cisteina Glutatione Acido alfa lipoico Acido grasso essenziale GSH ALA EFA



RIFERIMENTI

Dr Ben Lynch, IMPROVING PATIENT OUTCOMES: IDENTIFYING COMMON METHYLATION

POLYMORPHISMS, webinar www.mthfr.net

Dr Ben Lynch, HealthMasters Live webinar, December 2013

Dr Ben Lynch, C677T MTHFR MUTATIONS, www.mthfr.net, February 2012

http://mthfr.net/methylfolate-side-effects/2012/03/01

http://mthfr.net/preventing-methylfolate-side-effects/2014/11/26/

Dr Chip Watkins, UNDERSTANDING METHYLATION IN RELATION TO THE HPA-T AXIS, Sanesco webinar,

August 2014

Taeban Davis, METHYLATION, THE METHIONINE CYCLE AND TRANSULFURATION, Bioconcepts

presentation, August 2014

Tapan Audhya, ROLE OF B VITAMINS IN BIOLOGICAL METHYLATION, Health Diagnostics & Research

Institute.

Integrated Methylation in Practice. www.bioconcepts.com.au

www.metametrixinstitute.org/post/2012/09/28/Demystifying-Methylation-Part-Deux.aspx

www.neurosciencemyths.com/Methylation.htm

http://www.nutritional-healing.com.au/content/articles[1]content.php?heading=Major+Mental+Illness+Biochemical+Subtypes

https://atlantichealth.dnadirect.com/grc/patient-site/mthfr-thrombophilia/who-is-at-risk-for-high[1]homocysteine.html

http://www.glutathioneexperts.com/what-is-glutathione.html

Owen JB, Butterfield DA. Measurement of oxidized/reduced glutathione ratio. Methods Mol

Biol. 2010;648:269-77. doi: 10.1007/978-1-60761-756-3_18.

Richie Jr J.P., Nichenametla S., Neidig W., Calcagnotto A., Haley J.S., Schell T.D., Muscat J.E. Randomized

controlled trial of oral glutathione supplementation on body stores of glutathione. Eur J Nutr. 2014 May

5.

https://www.metagenics.com.au/sites/default/files/glutathione-gsh.pdf

28. Whitfield JB. Gamma glutamyl transferase. Crit Rev Clin Lab Sci. 2001 Aug;38(4):263-355.

33. Meyer, Alain (1994). "The effect of oral N-acetylcysteine on lung glutathione levels in idiopathic

pulmonary fibrosis". European Respirotory Journal 7 (3): 431–

436.doi:10.1183/09031936.94.07030431. PMID 8013597.

34. Lieber, Charles S. (2002). "S-adenosyl-L-methionine: its role in the treatment of liver

disorders". The American journal of clinical nutrition 76 (5): 1183S–7S. PMID 12418503.

35. Vendemiale, G.; Altomare, E.; Trizio, T.; Le Grazie, C.; Di Padova, C.; Salerno, M. T.; Carrieri, V.;

Albano, O. (1989). "Effects of Oral S-Adenosyl-l-Methionine on Hepatic Glutathione in Patients

41

with Liver Disease". Scandinavian Journal of Gastroenterology 24 (4): 407–

15.doi:10.3109/00365528909093067. PMID 2781235.

36. Loguercio, C; Nardi, G; Argenzio, F; Aurilio, C; Petrone, E; Grella, A; Del Vecchio Blanco, C;

Coltorti, M (1994). "Effect of S-adenosyl-L-methionine administration on red blood cell

cysteine and glutathione levels in alcoholic patients with and without liver disease". Alcohol

and alcoholism (Oxford, Oxfordshire) 29 (5): 597–604. PMID 7811344.

37. Micke, P.; Beeh, K. M.; Schlaak, J. F.; Buhl, R. (2001). "Oral supplementation with whey proteins

increases plasma glutathione levels of HIV-infected patients". European Journal of Clinical

Investigation 31 (2): 171–8. doi:10.1046/j.1365-2362.2001.00781.x.PMID 11168457.

38. Moreno, Y. F.; Sgarbieri, VC; Da Silva, MN; Toro, AA; Vilela, MM (2006). "Features of Whey

Protein Concentrate Supplementation in Children with Rapidly Progressive HIV

Infection".Journal of Tropical Pediatrics 52 (1): 34–

8. doi:10.1093/tropej/fmi074. PMID 16014759.

39. Grey, V; Mohammed, SR; Smountas, AA; Bahlool, R; Lands, LC (2003). "Improved glutathione

status in young adult patients with cystic fibrosis supplemented with whey protein".Journal of

Cystic Fibrosis 2 (4): 195–8. doi:10.1016/S1569-1993(03)00097-3.PMID 15463873.

40. Micke, P.; Beeh, K. M.; Buhl, R. (2002). "Effects of long-term supplementation with whey

proteins on plasma glutathione levels of HIV-infected patients". European Journal of

Nutrition 41(1): 12–8. doi:10.1007/s003940200001. PMID 11990003.

41. Ha, K. -N. (2006). "Increased Glutathione Synthesis through an ARE-Nrf2-Dependent Pathway

by Zinc in the RPE: Implication for Protection against Oxidative Stress". Investigative

Ophthalmology & Visual Science 47 (6): 2709. doi:10.1167/iovs.05-1322. edit

42. Omata, Y.; Salvador, G. A.; Supasai, S.; Keenan, A. H.; Oteiza, P. I. (2013). "Decreased Zinc

Availability Affects Glutathione Metabolism in Neuronal Cells and in the Developing

Brain". Toxicological Sciences 133 (1): 90–

100. doi:10.1093/toxsci/kft022.PMC 3627551. PMID 23377617. edit

43. Mills, B. J.; Lindeman, R. D.; Lang, C. A. (1981). "Effect of zinc deficiency on blood glutathione

levels". The Journal of nutrition 111 (6): 1098–102. PMID 7241230. edit

44. Mills, B. J.; Lindeman, R. D.; Lang, C. A. (1986). "Magnesium deficiency inhibits biosynthesis of

blood glutathione and tumor growth in the rat". Proceedings of the Society for Experimental

Biology and Medicine. Society for Experimental Biology and Medicine 181 (3): 326–

32. PMID 3945642. edit

45. Hsu, J. M.; Rubenstein, B; Paleker, A. G. (1982). "Role of magnesium in glutathione metabolism

of rat erythrocytes". The Journal of nutrition 112 (3): 488–96. PMID 7062145. edit

46. Barbagallo, M; Dominguez, L. J.; Tagliamonte, M. R.; Resnick, L. M.; Paolisso, G (1999). "Effects

of glutathione on red blood cell intracellular magnesium: Relation to glucose

metabolism". Hypertension 34 (1): 76–82. doi:10.1161/01.hyp.34.1.76. PMID 10406827. edit

47. Bede; Nagy (2008). "Effects of magnesium supplementation on the glutathione redox system

in atopic asthmatic children". Inflammation Research 57 (6): 279–86. PMID 18516713. edit

48. http://en.wikipedia.org/wiki/Glutathione - cite_ref-48 Regan, R. F.; Guo, Y (2001). "Magnesium

deprivation decreases cellular reduced glutathione and causes oxidative neuronal death in

murine cortical cultures". Brain research 890 (1): 177–83. PMID 1116478


TUTTO QUESTO ARTICOLO E' UNA RIESPOSIZIONE PRINCIPALMENTE DA https://www.nutripath.com.au/wp-content/uploads/2016/09/NPATH-METHYLATION-MTHFR-Manual-v3.3.pdf

1.210 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DEFICIT B12